speroinqualcosadimigliore:

tree-boy:

The Truman Show (1998)

Che cazzo di film, da vedere e rivedere.

Dio……
Avete presente quella sensazione di vuoto? Cerchi di amare ma non ci riesci, è come se il tuo corpo fisicamente rifiutasse quel sentimento, e ti senti vuoto, freddo, cinico.
oceanomareoceanogomma:

io-aspetto:

"La morte si sconta vivendo"

Stavo dicendo “oddio è come il mio libro” e poi vedo che è della Martina, distruggi ogni mia speranza :( AHAH


💕
Ti ho conosciuto al liceo.
Che poi, le belle storie iniziano sempre così: si conoscono tutti al liceo.
Io avevo l’età giusta per sbagliare, tu avevi l’età giusta per imparare a superare gli errori.
Io amavo letteratura italiana, tu matematica.
Io cercavo di spiegarti le poesie di Guinizzelli e di Leopardi, tu cercavi di insegnarmi le equazioni quantistiche.
Era divertente, perché nessuno dei due ci capiva niente. Tu finivi per associare il valore di x ad una qualche rima, mentre io mi ritrovavo ad elevare al quadrato il titolo delle poesie.
Ricordo quando scrissi involontariamente un piccolo 3 accanto alla poesia ”Fratelli” di Ungaretti, che quasi sembrava fosse stata elevata al cubo e tu, sorridendo, dicesti:
”Ma così diventa una famiglia intera.”
Spesso non sapevo spiegarmi perché ci amassimo, con tutte le nostre differenze, tutte i nostri dettagli opponibili, tutte le nostre incongruenze. Con gli anni, ho imparato che l’amore, semplicemente, leviga queste incongruenze, fino a fare combaciare le due parti.
E noi ci baciavamo, e combaciavamo.
Se mi chiedessero come mi sono innamorata di te, penso che la mia spiegazione li farebbe divertire.
Le mie amiche mi raccontano sempre di come siano rimaste incantate dalle mani, dallo sguardo, dalle labbra, dal carattere del loro primo amore.
Io mi innamorai del tuo nome.
Giacomo.
Tu eri il mio Leopardi, e le tue poesie più belle le scrivevi con gli occhi.
odioprofondo:

Via(odioprofondo)
Ed è sempre così. 
Ti manca, vorresti abbracciarla.. Vorresti, ma non puoi.
Vorresti baciarla, averla con te, accarezzarla, sentire la sua voce.. Vorresti, ma niente. 
Perché anche se la stringi forte a te quando c’è l’hai davanti siete comunque distanti, vorresti fare di più.. Ma di più quanto? Di più cosa? Di più di chi? Di te stessa? Perché non ci riesci? Vorresti saperlo, ma non riesci ad arrivarci..
La realtà è che siamo tutti degli stupidi. Pensiamo di sapere tutto, e poi? Niente. 
Rimane il fatto che ti manca, non sai spiegartelo come del resto d’altronde.. Ma ti manca. Di questo ne sei certa.
<---DONT REMOVE---->
A snazzyspace.com Theme A snazzyspace.com Theme
Tumblr Mouse Cursors
Heart It

The Latest

speroinqualcosadimigliore:

tree-boy:

The Truman Show (1998)

Che cazzo di film, da vedere e rivedere.

Dio&#8230;&#8230;
Apr 19, 2014 / 153.795 note

speroinqualcosadimigliore:

tree-boy:

The Truman Show (1998)

Che cazzo di film, da vedere e rivedere.

Dio……

Avete presente quella sensazione di vuoto? Cerchi di amare ma non ci riesci, è come se il tuo corpo fisicamente rifiutasse quel sentimento, e ti senti vuoto, freddo, cinico.
Francesco (via francesco-sidori)

Esatto

Apr 8, 2014 / 585 note
oceanomareoceanogomma:

io-aspetto:

"La morte si sconta vivendo"

Stavo dicendo “oddio è come il mio libro” e poi vedo che è della Martina, distruggi ogni mia speranza :( AHAH


💕
Apr 8, 2014 / 7.116 note

oceanomareoceanogomma:

io-aspetto:

"La morte si sconta vivendo"

Stavo dicendo “oddio è come il mio libro” e poi vedo che è della Martina, distruggi ogni mia speranza :( AHAH

💕

(via ubriacadidolore)

Ti ho conosciuto al liceo.
Che poi, le belle storie iniziano sempre così: si conoscono tutti al liceo.
Io avevo l’età giusta per sbagliare, tu avevi l’età giusta per imparare a superare gli errori.
Io amavo letteratura italiana, tu matematica.
Io cercavo di spiegarti le poesie di Guinizzelli e di Leopardi, tu cercavi di insegnarmi le equazioni quantistiche.
Era divertente, perché nessuno dei due ci capiva niente. Tu finivi per associare il valore di x ad una qualche rima, mentre io mi ritrovavo ad elevare al quadrato il titolo delle poesie.
Ricordo quando scrissi involontariamente un piccolo 3 accanto alla poesia ”Fratelli” di Ungaretti, che quasi sembrava fosse stata elevata al cubo e tu, sorridendo, dicesti:
”Ma così diventa una famiglia intera.”
Spesso non sapevo spiegarmi perché ci amassimo, con tutte le nostre differenze, tutte i nostri dettagli opponibili, tutte le nostre incongruenze. Con gli anni, ho imparato che l’amore, semplicemente, leviga queste incongruenze, fino a fare combaciare le due parti.
E noi ci baciavamo, e combaciavamo.
Se mi chiedessero come mi sono innamorata di te, penso che la mia spiegazione li farebbe divertire.
Le mie amiche mi raccontano sempre di come siano rimaste incantate dalle mani, dallo sguardo, dalle labbra, dal carattere del loro primo amore.
Io mi innamorai del tuo nome.
Giacomo.
Tu eri il mio Leopardi, e le tue poesie più belle le scrivevi con gli occhi.

(via linearetta)

" Io mi innamorai del tuo nome. Giacomo.  Tu eri il mio Leopardi, e le tue poesie più belle le scrivevi con gli occhi. " è la cosa più bella che io abbia mai letto.

(via ventiduenovembreduemiladieci)

Che meraviglia.

(via crederci)

Reblog tutta la vita.

(via vivodicitazioni)

Linearetta

(via linearetta)

La meraviglia.

(via nonricordocomesivola)

Dio santo le lacrime

(via seilamiamarea)

Oddio

(via l-oceanoneituoiocchi)

Dio

(via cuttingforlive)

Dio mio

(via fourteenblushes)

aa

(via li-vidi)

I crampi nello stomaco per l’ultima frase,oddio.

(via ridomentredentrostomorendo)

❤️❤️

(via ubriacadidolore)

Mar 27, 2014 / 16.068 note
odioprofondo:

Via(odioprofondo)
Feb 16, 2014 / 535 note
Ed è sempre così. 
Ti manca, vorresti abbracciarla.. Vorresti, ma non puoi.
Vorresti baciarla, averla con te, accarezzarla, sentire la sua voce.. Vorresti, ma niente. 
Perché anche se la stringi forte a te quando c&#8217;è l&#8217;hai davanti siete comunque distanti, vorresti fare di più.. Ma di più quanto? Di più cosa? Di più di chi? Di te stessa? Perché non ci riesci? Vorresti saperlo, ma non riesci ad arrivarci..
La realtà è che siamo tutti degli stupidi. Pensiamo di sapere tutto, e poi? Niente. 
Rimane il fatto che ti manca, non sai spiegartelo come del resto d&#8217;altronde.. Ma ti manca. Di questo ne sei certa.
Feb 15, 2014

Ed è sempre così.
Ti manca, vorresti abbracciarla.. Vorresti, ma non puoi.
Vorresti baciarla, averla con te, accarezzarla, sentire la sua voce.. Vorresti, ma niente.
Perché anche se la stringi forte a te quando c’è l’hai davanti siete comunque distanti, vorresti fare di più.. Ma di più quanto? Di più cosa? Di più di chi? Di te stessa? Perché non ci riesci? Vorresti saperlo, ma non riesci ad arrivarci..
La realtà è che siamo tutti degli stupidi. Pensiamo di sapere tutto, e poi? Niente.
Rimane il fatto che ti manca, non sai spiegartelo come del resto d’altronde.. Ma ti manca. Di questo ne sei certa.

Dic 30, 2013 / 76.728 note
Dic 28, 2013 / 5 note